Come si fa a distinguere un’ape da una vespa?

4 min


0
cqsisu.com del credito

“Togliti di mezzo, lascia stare il mio piatto… non toccare il mio bicchiere…”

Tutti noi abbiamo in mente ricordi di pranzo estivo, che suona il ventilatore con le nostre mani per cacciare gli insetti che si invitano sul bordo del nostro piatto, il nostro bicchiere. Tendiamo a confondere le api con le cosiddette vespe sociali europee che, a prima vista, presentano somiglianze fisiche e comportamentali. Vedremo più chiaramente sull’argomento. Alla fine di questo articolo, puoi facilmente distinguere un’ape da una vespa! (per coloro che sarebbero pigri a leggere l’intero articolo, ti ho messo un video (in inglese) alla fine dell’articolo del canale Youtube “Oggi ho scoperto” che risponde alla domanda in 7 min mostra in mano.

Illustrazione concettuale di un uomo in fuga da uno sciame di api / credito: Getty Images/iStockphoto

È importante notare che ci sono più di 20.000 specie di api nel mondo, tra cui 2.000 in Europa e 1.000 in Francia. Per quanto riguarda le vespe, finora sono state registrate 15.000 specie. Ci concentreremo qui sulle api europee e sulle vespe germaniche o europee che rimangono le più incontrate oggi nella maggior parte dei paesi dell’emisfero settentrionale.

Perché spesso confondiamo?

A sinistra, la vespa tedesca, a destra, l’ape europea

L’ape e la vespa fanno parte della famiglia degli imenotteri,un ordine di insetti che include anche il calabrone e la formica. Entrambi svolgono un ruolo centrale nel mantenimento degli equilibri naturali (con una maggiore influenza per l’ape selvatica, il più grande impollinatore del mondo). Entrambi hanno un addome prominente e, poco più per le femmine, un pungiglione addominale (comunemente chiamato pungiglione)che permette loro di difendersi se si sentono insicuri. Il livello sonoro del loro volo non è udibile. Il loro gusto di cibo rimane diverso (torneremo ad esso sotto) ma si invitano ai nostri pasti per gustare carni, pesce o bere bevande zuccherate. Non ci prendiamo il tempo di scoprire la loro destinazione finale, li cacciamo prima che atterrino sul nostro tavolo.

Quali sono le loro differenze?

Il fisico

  • L’ape ha un corpo tozzo, la sua parte superiore è soffice. Il suo addome ha strisce nere sull’addome su uno sfondo giallo-scuro marrone a seconda della specie. Misura tra 11 e 13 cm.
L’ape europea – miimosa.com di credito
  • La vespa ha un corpo peloso, dipinto di giallo brillante a strisce con strisce nere. Ha due mandibole più larghe di quelle dell’ape, un vantaggio di scelta per macinare più facilmente la sua preda. Ha un addome sottile rispetto all’ape con una vita più stretta che segna la separazione con il torace. La frase“con una dimensione di vespa”via da lì! In media, la vespa è più grande del suo cugino con una dimensione che va da 11 a 18 mm (18 mm per la regina).
La vespa tedesca – futura-sciences.com di credito

Dieta

  • L’ape è floricole,la sua dispensa si trova principalmente in fiori, arbusti e alberi. Nel menu, nettare, sciroppo dolce prodotto sul fondo dei fiori, melata, uno sciroppo dolce anche secreto da piante o afidi, depositati sul fiore e polline costituiscono la sua dieta per tutta la sua breve vita. L’ape ha anche bisogno di acqua per se stessa e per produrre miele. Più timida della vespa, sarà meno incline a venire e infastidirti durante il barbecue. Attratto da materiali zuccherati, non è impossibile che morda una testa nel bicchiere di soda o il succo di frutta.
Un’ape che foraggia un fiore – futura-sciences.com di credito
  • La vespa in età adulta si nutre principalmente di prodotti dolci: nettare, frutta matura, anguria dal tuo pasto estivo… Ciò che è meno noto è che è anche onnivoro perché le loro larve hanno bisogno di proteine per crescere. Un onnivoro con una tendenza carnivora perché si nutre principalmente di parassiti e insetti morti (ma a volte sulla tua carne e pesce lasciati sul tuo piatto). Senza di essa, dovremmo negoziare con migliaia di indesiderabili ogni anno che inquinano e distruggono, fiori, piante e colture. Un prezioso alleato per noi uomini.
Una vespa ha visto un pezzo di carne da una larve di cicale da dare alle sue larve – credito basel.scharyyse.free.fr

Autodifesa

L’unico modo per difendersi da una minaccia imminente per l’ape e la vespa è pungente. Reagiscono per autodifesa a un odore sconveniente o a un gesto aggressivo.

  • A differenza della vespa, l’ape può puneare solo una volta. Poiché il suo pungiglione è saldamente attaccato al suo addome, una puntura fa sì che una parte della sua pancia sia staccata e l’ape morta. Se senti una puntura e un insetto morto ai tuoi piedi, saprai che uno era un’ape. Il veleno d’api è spesso più allergenico di quello della vespa, quindi fai attenzione prima di rimuovere il pungiglione dopo la puntura.
Dardo attaccato all’addome dell’ape dopo la puntura – credito Kathy Keatley Garvey
  • La vespa può quindi puntura più volte. Le punture si verificano anche molto di più alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno. Le vespe della classe operaia occuparono gran parte degli insetti da caccia estivi per nutrire i più piccoli e difendere le loro comunità lasciate abbandonate una volta svuotata la casa dai suoi congeneri. Non hanno niente di meglio da fare che difendersi e nutrirsi di ciò che vogliono, tra cui soda o succo d’arancia.
La pistola pronta a pungiglione – AdobeStock credit

Fonti:


Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

0

Quale è la tua reazione?

J'adore J'adore
0
J'adore
Je déteste Je déteste
0
Je déteste
C'est marrant C'est marrant
0
C'est marrant
Ca m'énerve Ca m'énerve
0
Ca m'énerve
C'est triste C'est triste
0
C'est triste
#Geeky #Geeky
0
#Geeky
#Fakenews #Fakenews
0
#Fakenews
Ca fait peur Ca fait peur
0
Ca fait peur
J'ai appris quelque chose J'ai appris quelque chose
0
J'ai appris quelque chose
Rien compris Rien compris
0
Rien compris
gino

Je m’appelle Gino, jeune trentenaire et vieux blogueur ! Touche à tout du web, consultant SEO mais surtout passionné de Culture avec un grand "C" : tout ce qui m'entoure ne doit pas être ignoré, je suis un vrai boulimique culturel. S'il fallait me décrire en 2 mots et demi, je dirais "passeur de savoir"...en toute modestie ! Merci de me suivre sur le chemin de la connaissance, vous verrez, c'est un puits sans fond :)

0 Commenti

Your email address will not be published.