Le maschere proteggono davvero da Coronavirus?

5 min


0
1 azione
vecteezy.com del copyright

Maschera FFP, maschera chirurgica o maschera in tessuto fatta a casa… Abbiamo tutti queste parole in mente che fanno parte del linguaggio comune dall’inizio dell’epidemia nel dicembre 2019. Questi 3 tipi di maschere non hanno lo stesso livello di protezione contro il virus SARS-COV-2. Cercheremo di vedere più chiaramente l’efficacia di ciascuno di essi. Gran parte dell’articolo si basa sulla guida dell’OMS pubblicata sull’uso di maschere nel contesto di Covid-19.

Quali sono le minacce?

Quando parliamo di protezione, dobbiamo separare due tipi di rischi che possono portare alla malattia di Covid-19: inalazione, uno, gocce d’acqua e, due, particelle sospese espulse da una persona con il virus. Quando tossisci, starnutisci, parli o respiri, la bocca e il naso espelleno, i cosiddetti aerosol: un magma di gocce d’acqua tra 1 micrometro e 100 micrometri che trasportano batteri (da 0,5 a 5 micrometri) e virus. Nel caso di SARS-COV-2, le goccioline hanno una dimensione di 0,1 micrometri. Dove le goccioline d’acqua più pesanti cadono rapidamente a terra, le particelle fini rimangono sospese nell’aria, più di un’ora per particelle di 5 micrometri di dimensione.

La distanza percorsa da goccioline di saliva proiettate quando qualcuno tossisce è di 2 metri in tre secondi. D’altra parte, continuano a muoversi e galleggiare in un’area di due metri fino a tre minuti dopo l’espulsione iniziale – Copyright Shutterstock

In questa situazione, l’uso di una maschera per controllare l’inalazione di questi agenti patogeni è altamente raccomandato. È impossibile, tuttavia, indossare una maschera senza assistenza respiratoria con fori più piccoli delle particelle sospese. Il motivo è semplice: sarebbe molto difficile respirare attraverso la maschera. Per superare questo problema, le maschere sono composte da uno o più strati intrecciati (e non intrecciati) per intrappolare le particelle che passano attraverso la maschera.

Nella sua guida (p 10), l’Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea l’importanza del filtraggio della qualità dei tessuti che è una barriera contro il virus. Il livello di filtrazione dipende dalla sigillazione del tessuto. È preferibile, ricorda l’OMS, fare una maschera con 3 strati di tessuto utilizzando materiali come il cotone sul viso non esposto, il polipropilene nello strato centrale e il poliestere (o polipropilene) per la faccia esposta. Un filtraggio efficace come quello raccomandato dall’OMS ha due inconvenienti: la respirazione diventa difficile (come abbiamo visto prima) e la maschera non è perfettamente adattata al viso, permettendo all’aria di entrare nell’intervallo tra di loro, riducendo così l’efficacia della maschera contro il virus.

La maschera in tessuto: idea sbagliata?

Una donna che indossa una maschera a Wuhan, la prima epidemia dell’epidemia – Copyright AFP/ARCHIVES – HECTOR RETAMAL

Questo è il tipo più semplice di maschera da progettare. Un gran numero di famiglie sono state in grado di produrle durante il confinamento sulla base di un modello proposto dagli organismi di normalizzazione. Il tessuto utilizzato, d’altra parte, sembra essere meno protettivo perché ha caratteristiche diverse rispetto alle maschere mediche e non soddisfa gli standard di qualità imposti dal settore sanitario.

Infatti, sono stati avviati pochi studi scientifici sull’efficienza filtrante di queste maschere, che non sono state sottoposte ai vari test sviluppati dagli attuali standard sanitari. In Francia, IFTH, l’istituto francese di tessuti e abbigliamento, ha sviluppato un database per gli industriali nel maggio 2020, elencando 1.200 materiali e le loro risposte alle proiezioni e alla permeabilità dell’aria. Circa 1/3 non sono conformi all’uso professionale a contatto con l’uso pubblico o collettivo.

La maschera chirurgica: l’essenziale

Il presidente francese Emmanuel Macron visita un centro medico il 7 aprile 2020 indossando una maschera chirurgica – Copyright REUTERS/Gonzalo Fuentes

La maschera chirurgica è riconoscibile per la sua forma piatta o plissettata e il suo bicolore, spesso bianco all’esterno e blu all’interno. Le sue prestazioni protettive sono state testate attraverso standard standardizzati come ASTM F2100 negli Stati Uniti o EN 14683 in Europa che dà loro un buon equilibrio tra alta filtrazione dell’aria (blocco di goccioline fino a 3 micrometri) protezione contro proiezioni e buona traspirabilità (p2). Fornisce quindi protezione all’entourage contro le proiezioni emesse da chi lo indossa e viceversa. Chi indossa la maschera, d’altra parte, non è protetto dall’inalazione di goccioline inferiori a 3 micrometri nell’aria.

Il suo obiettivo principale è quello di evitare la trasmissione di grandi particelle nell’aria e non di filtrare l’aria per goccioline più fini. I test standardizzati sulla mancata trasmissione di particelle di 0,06 micrometri attraverso maschere chirurgiche hanno mostrato tassi di successo molto eterogenei, che vanno da 4 a 90. Questa discrepanza può essere spiegata dal passaggio o meno dell’aria negli spazi tra la maschera e il viso. Chiaramente non svolge il suo ruolo in caso di contatto prolungato con i pazienti.

La maschera FFP: per situazioni estreme

Maschera di becchidre d’anatra semi-lato FFP2 – copyright LP/Philippe LAVIEILLE.

FFP (Filtering Facepiece) in Europa o FFR (Filtering Facepiece respirator) negli Stati Uniti, parliamo, in pochi dettagli, dello stesso tipo di maschera. Sono dotati di respiratori protettivi con un grado di filtraggio, proteggendo chi lo indossa dall’inalazione sia delle gocce d’acqua che delle particelle sospese. FFP2 e FFP3 possono filtrare 94 e 99 di un aerosol contenente particelle solide di 0,075 micrometri, rispettivamente. Una tolleranza alle perdite è tollerata, rispettivamente al di sotto di 8 e 2.

L’elevata impermeabilità di queste maschere è più restrittiva: aumento della temperatura più veloce, difficoltà di respirazione e rischio di mal di testa in situazioni stressanti quando si indossa la maschera si estende per un lungo periodo di tempo. Per superare queste sollecitazioni, alcune maschere FFP sono dotate di una valvola respiratoria. Le maschere FFP sono adeguate per evolvere con rischio mimimum in contesti medici difficili. D’altra parte, devono essere utilizzati con grande rigore e cura per mantenere la massima efficacia contro la trasmissione del virus. Infine, le maschere FFP non proteggono da gas e fumi.

Nel suo recente studio sulle modalità di trasmissione del virus sarS-COV-2 datato 29 marzo 2020, l’OMS sostiene che la maggior parte della contaminazione è causata dalla proiezione di goccioline d’acqua con un raggio di 1 metro, non da particelle fini sospese nell’aria. Anche se le maschere FFP offrono una migliore protezione per la trasmissione del virus, le maschere chirurgiche sono sufficienti nella maggior parte dei casi, al di fuori della struttura medica.

Le regole da seguire

Ci sono alcune regole da seguire quando si utilizzano queste maschere. Naturalmente, indossare una maschera non esime il rispetto dei gesti di barriera.

Tipo di maschera Regole
TessutoCambiare non appena si bagne.
In caso contrario, ogni quattro ore.
Per i tessuti lavabili, non superare il numero di cicli indicato dal produttore.
Lavaggio a 60 gradi senza asciugare su un ciclo di 30 minuti.
Chirurgica Uso singolo.
Cambiare non appena si bagne.
In caso contrario, ogni quattro ore.
FfpUso singolo.
Deve essere indossato meno di 8 ore nello stesso giorno.

Fonti:

  • santemagazine.fr Tutto quello che c’è da sapere sulle maschere protettive coronavirus (francese)
  • inrs.fr maschere di protezione respiratoria e rischi biologici: FAQ (francese)
  • pourlascience.fr Come funzionano le maschere di protezione respiratoria (francese)
  • who.int Consigli sull’uso delle maschere nel contesto del COVID-19

Ti piace? Condividi con i tuoi amici!

0
1 azione

Quale è la tua reazione?

J'adore J'adore
0
J'adore
Je déteste Je déteste
0
Je déteste
C'est marrant C'est marrant
0
C'est marrant
Ca m'énerve Ca m'énerve
0
Ca m'énerve
C'est triste C'est triste
0
C'est triste
#Geeky #Geeky
0
#Geeky
#Fakenews #Fakenews
0
#Fakenews
Ca fait peur Ca fait peur
0
Ca fait peur
J'ai appris quelque chose J'ai appris quelque chose
0
J'ai appris quelque chose
Rien compris Rien compris
0
Rien compris
gino

Je m’appelle Gino, jeune trentenaire et vieux blogueur ! Touche à tout du web, consultant SEO mais surtout passionné de Culture avec un grand "C" : tout ce qui m'entoure ne doit pas être ignoré, je suis un vrai boulimique culturel. S'il fallait me décrire en 2 mots et demi, je dirais "passeur de savoir"...en toute modestie ! Merci de me suivre sur le chemin de la connaissance, vous verrez, c'est un puits sans fond :)

0 Commenti

Your email address will not be published.